LV ENHANCED Image Slider  

Si nu saje zappà

Si nu saje zappà

Sì nu saje zappà, nu dicere che sì zappatore!

 

Pàtemo era nu zappatore
e ‘a terra ‘a girava e ‘a revutava câ zappa;
l’accarezzava e le faceva sentì ‘o core.

 

 

Tagliava l’evera câ faucia
e maje se tagliava ‘e dete;

scugnava ‘e fasule cô vavillo
e  senza sbaglià  nu colpo
nun sô deva maje ncapa;
coglieva ‘e noce, ‘e nucelle,

‘e mele annurche, ‘e castagne
sempe ô tiempo iusto
e cu l’arte dint’ê mane.

Ogne matina parlava cu ‘e piante,
addurava ‘o profumo dô cielo
e se regneva ‘o core cu l’aria dâ campagna.

Putava, semmenava, purchiava,
trammutava ‘o vino e cuglieva l’uva,

guardanno ‘a luna, ‘o sole,
‘a tela dô viento,
‘o calendario ‘e Frate Indovino
e accussì ‘a notte cuntento
metteva ‘a capa ncopp’ô cuscino!

Quanno purtava â casa cô traino
‘e sporte chiene ‘e frutta
sotto ‘o baffo le leggive ‘a cuntentezza
pâ qualità che aveva fatto!

Ce steva l’arte dint’ê mane
e ‘a sera mmiezo â chiazza
parlava cu l’ate zappature
pe capì ‘o buono e ‘o malamente!

 

Ê vote penzo:
ma pecchè chi scrive fa nu sacco ‘e ntravuoglie?
Pecchè  ‘a penna mbroglia ‘e regule
e fà pasticce e pasticciotte?

Comme maje ‘o poeta mpasta ‘e parole
senza vedè che scappano ‘a cà e ‘a là
comme ‘e galline pâ curtina?
Fanno rummore pe niente!

‘A rimma, ‘e sillabe, l’accento,

‘o punto, ‘a virgola, ‘o verbo…
pare che ‘e piglia ‘a int’ a nu sacco
e ‘e votta addò vanno vanno,
penzanno po ‘e fa n’opera d’arte.

Comme è brutto ‘o cazone curto sotto ‘o frak
o ‘e zuoccole sotto ‘o vestito ‘e sposo!

 

Aveva ragione patemo, quanno diceva:

Si nu saje zappà, nu dicere che sì zappatore!

E si pe forza vuò zappà…
mparate ammeno ‘o mestiere!

 

(Baiano, 8 dicembre  2016)

© 2018 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Venerdì, 14. Dicembre 2018 || Reprinted by Montella Carmine |