LV ENHANCED Image Slider  

Ho sete!

Ho sete!

Ho sete!

 

E’ l’ora ‘e pranzo
e ntramente  giro p’ ‘o ciardino ‘e casa
sento na voce fina fina
che arriva da mieza ‘a via:

“Amico, ho sete!”

 

 

E' nu guaglione ‘e culore
niro comme ô gravone ma janco nfaccia
e cu l’uocchie appise.

“Mamma mia bella!” dico ntra me e me.

“Chisto ‘a quanno nu mangia?”

“Me moro ‘e sete!” me ripete
e me vò vennere caccosa!

“Aspiette!” le dico. “Nu mumento!”

Zompo a int’ â casa cô core ncanna
e le porto na butteglia ‘e acqua.

“Bive!... E aspiette ccà!”

Torno a into e piglio ‘o piatto mio
chino ‘e maccarune câ sarza
ntramente figliemo e muglierema
correno annanze e arreto p’ ‘a cucina
e prepareno ‘o meglio che ce sta.

Mangia ‘o guaglione e quase s’affoga!

Mangia e beve!... Beve e mangia
comme a nu lupo affamato!

Io ‘o guardo cô core che batte mpietto.

Isso me guarda cu ‘o culore che torna
e me dice “Grazie!”
senza sapèche po’ l’arriva ‘o riesto:

‘a frittata cu l’ove e ‘o furmaggio,
doje fette ‘e pane e tre mele,

nu bicchiere ‘e vino
e n’ata butteglia ‘e acqua.

Mette tutto ncopp’ â carruzzella
e se ne va guardannome int’ â l’uocchie.

Abbascio ô vico ancora  se gira e me guarda.

Ê vote penzo che era Cristo

stu povero guaglione,
pe me mettere alla prova!

“Chi aiuta a nu povero,
aiuta a Me!”

Niente succede pe niente int’â vita.

Ce sta sempe nu disegno divino
che nuje nu putimmo capì!

 

(Baiano, 20 Gennaio 2017)

© 2018 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Venerdì, 14. Dicembre 2018 || Reprinted by Montella Carmine |