LV ENHANCED Image Slider  

Dodici aprile 1949

Dodici aprile 1949

Dodici aprile 1949

 

Ll’uocchie te guardaveno senza forza
nfunno ‘o  lietto friddo friddo
e s’aggrappaveno all’urdema speranza:

 

 

sulo tu putive correre annanze e arreto
comme ‘o viento cu ‘a bicicletta
pe truvà ‘a medecina miraculosa.

Cu ‘a lengua  ‘a fora a pedalà
pecché pure ‘o tiempo t’era nemico,
ogne sicondo puteva essere fatale.

Finalmente arrivaste â casa
cu ‘a speranza mmano
apriste ‘a porta cu nu filo ‘e forza
e ll’uocchie tuoje cercarono ll’uocchie ‘e nennillo,

ma fuje troppo tardi pe le purtà a vita!
Chilli uocchie che t’aveveno aspettato cu fiducia
già s’ereno chiuse pe sempe.
‘O primmo frutto doppo sei anni ‘e guerra
era caduto da coppo a ll’albero!

Se gelaje ‘o sanghe dinto ‘e vene!
Sulo pe crianza nun iastemmaste
ma se stracciaje ‘o core mpietto
e p’ ‘a disperazione contro ‘o muro
‘e medicine iettaste cu nu grido
e teniste sulo ‘o tiempo justo justo
d’ abbraccià ‘o corpicino ancora cavero.

Ce vulette ‘a forza ‘e tutte  quante
pe te staccà da chillu figlio
e nu vacillo pe piglià ‘e lacreme
che scenneveno senza fine.

Sulo na foto mo c’è rimasta
‘e chillu frate cu ll’uocchie triste
ncoppo a na bicicletta
‘e ‘o ricordo ‘e nu patre

che teneva ancora ‘a forza
'e cunzulà ‘a mamma.

 

(Baiano, 19 gennaio 2018)

© 2018 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Sabato, 20. Ottobre 2018 || Reprinted by Montella Carmine |