LV ENHANCED Image Slider  

Io nu songo ‘o primmo

Io nu songo ‘o primmo

Io nu songo ‘o primmo

 

“Io nu songo ‘o primmo
ma nu sò sicondo a nisciuno”
dice n’amico mio câ cresta aizata.

 

 

“Ma si nu sì sicondo a nisciuno”
‘o sfotte ‘a voce ‘e populo
“sotto sotto te siente ‘o primmo!”

Ma pure Pascale, Maria e Cuncetta,
Rafele, Ntonio e Nicola,
Mimì, Biase e Rusinella
ripeteno sempe ‘a stessa storia.

Allora na cosa me gira pê capa.

Ce sta quaccheduno che è sicondo?

Si tutte sò primme ncopp’ â sta terra

aggi’ ‘a penzà ca ‘o munno è bello,
pecchè è fatto sulo ‘e campiune,
ca ogne matina sponta ncielo
n’arcobaleno ‘e mille culore,
ca è gente ‘ e felice
e nisciuno se puzza ‘e famme.

Po aràpo ll’uocchie e veco
nu sacco ‘e valle ncopp’ â munnezza,
gente senz’arte e né parte
ca sulo si ‘e tuocche cu nu dito
te vogliono agliottere into a nu vuccone.

Allora faccio buono io
che vaco annanze pâ via mia,
sapenno che tutte so meglie ‘e me
e che ‘e chiacchiere so comme ‘e maccarune:
regnano sulo ‘a panza!

 

(Baiano, 21 febbraio 2018)

© 2018 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Giovedì, 20. Settembre 2018 || Reprinted by Montella Carmine |