LV ENHANCED Image Slider  

Quanno 'a natura te spezza 'e cosce

Quanno 'a natura te spezza 'e cosce

Quanno ‘a natura te spezza ‘e cosce

 

“Chist’anno l’annata se presenta bona,
‘e rame se chieieno sotto ‘o piso dê nucelle.
Accussì s’acconceno nu poco ‘e cose.”

 

 

 

Po na notte esce ‘o viento
e scioscia forte pe cinche juorne
comme Dio se ne era scurdato.

Papà nu dorme e tene paura,

l’uocchie sò nu libbro apierto:
sape chello ca pò succedere!

E ‘a disgrazia purtroppo vene!

‘O Pateterno nun ha tenuto pietà
dê fatiche dê zappature
ca se spezzano ‘a schiena
câ zappa e câ mussora.

Meglio na mazzata ncapa
cu quatto punte pâ guarì
che ‘o raccolto nterra
ca te tira ‘o core ‘a pietto!

Pure chist’anno ce mangiammo
‘o pane cuotto cu ‘e fasule.

“Guagliù, me raccumanno:
nu spennite solde.”

E chi ha maje visto na lira?

A Pasca e a Natale  allora
guardammo n’ata vota mmocca â gente.

E pe jonta ‘e ruotolo
na tempesta ‘e acqua cu nu sciummo
se ne porta via ‘a terra
e pure ‘a speranza!

Comme a nu criaturo
into ‘o pagliaro va a chiagnere, papà,
e po cu ‘e lacrime a l’uocchie ce dice:
“Nun è colpa mia
se nun ve pozzo fà campà meglio!

Chello che io putevo
l’aggio fatto!”

 

(Baiano, 27 giugno 2018)

© 2018 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Sabato, 20. Ottobre 2018 || Reprinted by Montella Carmine |