LV ENHANCED Image Slider  

Va a zappà

Va a zappà

Va a zappà!

 

Pe na vita aggio zappato ‘a terra
vierno e ‘state, cô sole e cu l’acqua

 

 

e sulo mo doppo tanta anne
aggio truvato na ragione.

Si pure ‘o nonno  era zappatore
e ‘o pate d’ ‘o nonno e d’ ‘o sbinnonno,
mica pe forza pur’io avev’ ‘a fà ‘o zappatore?

So ghiuto â scola, aggio sturiato
notte e juorno fino a me cecà
e cu na laurea into ‘a sacca
so addeventato prufussore.
Ma ‘a zappa steva sempe là
pronta addareto ‘a porta
ca m’aspettava sfreculiannose ‘e mane.
E vulite sapè ‘o pecchè?

Me mettette ncapo ‘e sunà ‘o pianefforte,
ma suone ogge, suone dimane
io capette ca nun era arte pe me!
Piagliaje allora na chitarra
e doppo n’anno ‘e schifenzia
io capette ca nun era arte pe me!
Accattaje allora pennielle e culure
e mbrattaje chelli povere tele
ca nun teneveno colpa
e doppo duje o tre anne
io capiette n’ata vota ca nun era arte pe me!
Ma io capo tuosto nun m’arrendevo
e pruvaje pure a cantà.
Ma cu chesta voce stunata
putevo sulo raglià comme a nu ciuccio.
Sulo allora io capette pecchè ‘a gente
ogne vota se scumpisciava d’ ‘e risate
e rusecanno zitta zitta diceva:

“Cagne mestiere!... Và ‘a zappà!”

 

(Baiano, 6 dicembre 2018)

© 2019 - I testi e le immagini del sito sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Av). E' vietato l'uso senza l'autorizzazione dell'autore!
   
| Giovedì, 20. Giugno 2019 || Reprinted by Montella Carmine |