Lamento di un cane nel bosco di Arciano

Lamento di un cane nel bosco di Arciano

Stampa

Lamento di un cane nel bosco di Arciano

 

Bau! Bau! ‘E vote comme è strana ‘a vita
e se v’ ‘o dico io che so nu povero cane
m’avit’ ‘a crerere. Bau! Bau!

 

 

Fino a duje mise fa
stevo int’ â casa ‘e Ninnillo
felice e cuntento.
Nun me mancava niente:
‘o pane, l’acqua, ‘o lietto
e l’ammore d’ ‘e padrune.

Ogne matina Nennillo curreva addo me:
vase, carezze, cioppole,
corse p’ ‘o ciardino ncopp’ ‘o prato,
primma ‘e salutà ‘a mamma e ‘o pate.

Quanno vedevo ll’ate cane
miez’ â via penzavo:
“Povere disgraziate, senza casa e senza ammore.

Comme fanno a campà

sotto ‘o sole e sotto ‘a luna,
cu l’acqua e cu ‘o viento
e a cercà int’ â munnezza
coccosa pe mangià.

Io  invece so proprio furtunato!”

S’avvicinava luglio e se preparaveno ‘e valigie pô mare!

Mo me sciacquo e me rinfresco nu poco pur’io!
Na dummèneca matina tutti in macchina,
na scampagnata int’ ‘ vuosco d’Arciano.

‘E giostre, ‘a brace, ‘e sasicce…

Io a correre annanze e Nennillo addareto
tutto cuntento pâ gioia dâ famiglia.

‘A gente sotto ‘e piante a ringrazià
pe tanto bene ‘e Dio.

Io chiurette l’uocchie p’ ‘a stanchezza

comme a nu criaturo dint’ â connola.

Verso ‘e quatto sbadiglianno me scetaje
e… bau! bau!... addò stà Nennillo?

Bau! Bau! Bau! Addo sta ‘o pate?

Maronna mia, nun ‘e veco!

E mo comme faccio senza ‘e lloro?

Nu poco â vota ‘a gente se ne jette
e io restaje sulo int’ ô vuosco
senza capì chiù niente.

Me pigliaje ‘a paura, sulo e abbandunato!

Pecchè? Bau! Bau! Pecchè me l’hanno fatto?

Nu rummore ‘e macchina. Tornano!
Mo me vengono a piglià!... Bau!... Bau!

Corro e zompo pe me fa vedè! Bau!... Bau!

Stongo cà.... Stongo cà! Bau!... Bau!

Mannaggia, nu sò loro!

Ntramente me guardavo attuorno
spaisato e cu l’uocchie ‘a fora
s’avvicinaje nu cane gruosso e brutto.

Chisto mo me mangia, penzaje.

Faciarrà unu vuccone! Bau!.... Bau!

“Viene cu me”,  invece me dicette doce doce.

"Nun te mettere appaura 'e me!"

Pur’io sò stato abbandunato da ‘o padrone.
Viene, ce arrangiammo nzieme,
ce facimmo compagnia!
Io già m’aggio mparato a campà
da sulo int’ ô vuosco. Staje cu me.

Nu posto p’ ‘a notte sempe ‘o truvammo!
Meglio a dduje cà ncoppa
ca sulo  int’â na famiglia ‘e nfame traditure!”

 

(Baiano, 8 Giugno 2016)