(Suona il campanello. Donna Concetta va ad aprire. Entra la fruttivendola, un po' agitata e preoccupata.)

CARMELA:    Buon giorno, donna Concè.

D. CONCETTA:    (Sorpresa) Buon giorno... Signora Carmela, qualcosa non va?

CARMELA:    (Indecisa) No... Va tutto bene pe' me... e p' 'a famiglia mia. Però... nun saccio manch'io se è  'o vero o mi sbaglio... se aggio capito buono...

D. CONCETTA:    (Ancora più sorpresa) Carmelì, non vi capisco. Vi vedo agitata. Se non mi spiegate il fatto, come faccio ad aiutarvi?

CARMELA:    Noooo... Io nun aggio bisogno di aiuto. Vi ringrazio.... No... è n' 'ata cosa!... Riguarda 'o marito vuoto!

D. CONCETTA:    (Impaurita ed agitata) Uh! Madonna del Carmine! Gli è successo qualcosa? (Si avvicina a Carmela, la afferra con entrambe le mani sulle spalle e la scuote.) Carmelì, è successo qualcosa a don Pasquale? Parlate!!!

CARMELA:    Donna Concè, nun v'agitate!... Don Pasquale sta buono. Sta 'ncopp' 'o comune... Io nun ve vulevo fa' piglià 'stu spavento!... Nun m'aggio saputo spiegà. (Donna Concetta si appoggia al tavolo e col fazzoletto si asciuga la fronte. Poi si siedono entrambe.) Mo' ve spieg' 'o fatto... Stammatina, aggio nutato nu movimento curioso 'nnanz' 'o negozio. Duie giuvinotti devono su e giù e guardavano 'a casa vosta... "Aspettarranno 'o sindaco" aggio pensato io. Però chili duie nun mi piacevano!... Doie facce 'e beduini, ch'e capilli lunghe  cumm' 'e femmene e co' duie mustacchi fino a mmocca.... Quanno don Franco è sciuto co' Mariuccia, si sono zenniati e chiano chiano 'e nne seguiti fino abbiscio 'o vico. Po' 'e nu turnat' e se nnu fermat' n'ata vota 'nnanz' 'o negozio... Uno 'e chili, 'o cchiù brutto, s'è pigliato na mela, senza dicere manco: "Signo', vuie permettite?" e s''a mmis' a muzzicà!... 'E nove è sciso 'o sindaco... 'O cchiù curto ha ditto zitto zitto: "Eccolo! E' isso!" Chill'ato ha risposto: "Bene, bene. Possiamo andare!" Po' s'hanno pigliato n'ata mela a pperò (=a testa), m'hanno guardato e c' 'o dito mncopp' 'o naso hanno ditto: "Scìiiii!" e se ne sono andati!

D. CONCETTA:    (Allibita) Ah!

CARMELA:    Donna Concè, 'o fatto nun m' è piaciuto... 'O primmo pensiero è stato chilo 'e correre addo vuie.

D. CONCETTA:    (C.s.) E avete fatto bene.

CARMELA:    Che faccia brutta che tenevano!... Chilli vonno fa coccola 'e male a don Pasquale1

D. CONCETTA:    (Prende una bottiglia di liquore con due bicchieri senza vassoio; versa nervosamente del liquore.) Bevete, Carmelì, avete avuto paura anche voi...

CARMELA:    Salute!... Salute!  (Devono silenziose.)

D. CONCETTA:    Ora vi chiedo un piacere.

CARMELA:    Comandate... Qualsiasi cosa.

D. CONCETTA:    Sapete mantenere un segreto?

CARMELA:    E comme n!

D. CONCETTA:    Allora nun dite niente a nessuno, neppure a don Pasquale.

CARMELA:    (Sicura di sé) Neppure a maritemo!

D. CONCETTA:    (Accompagnandola alla porta con la mano sulla spalla) Grazie... E mi raccomando: se notate qualche movimento strano, avvertitemi.
(Escono continuando a parlare. Donna Concetta rientra. Rimette a posto le sedie e il liquore. Prende i bicchieri e va in cucina.)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.