(Entra Franco, dalla destra, proveniente dalla stanzetta dì Mariuccia, con la cartella della bimba. Controlla se tutto è in ordine.)

FRANCO:    Sempre ordinata e precisa. Mariuccia sembra proprio un orologio svizzero!

(Entra Orazio, dalla sinistra, con una busta piena di scarole e i giornali per il Sindaco. Guarda il suo orologio, estraendolo dal taschino della giacca, dopo aver poggiato i giornali sul tavolo.)
ORAZIO:    Spero che a scola nun va cumm' 'a sveglia mía! Sempe n'ora indietro, quanno va bbona!

FRANCO:    Orà, questo rischio non si corre.  Mariuccia studia con impegno e diligenza.  È la più brava della classe! (Alludendo all'orologio di Orazio) Ma tu, ogni tanto, 'a. cagni 'a batterla a 'sta caccavella?

0RAZIO:    (Offeso) Uè! Nun offendimi' 'o brillant' d' 'o nonno! Quann' 'a trovo na batteria usata ncopp' 'a na bancarella 'e nu marucchino, si m' 'a dà pe' metà prezzo... m' 'a accatto! (Mostrando la busta) Aggià purtat' 'e scarole p' 'a signora... (puntualizzando ironicamente) LA PRIMA  CITTADINA!

FRANCO:    Cumme mozzichi brutto stammatina! Eppure LA PRIMA CITTADINA (come dici tu!), donna Concetta, ti tratta come uno di casa. Per non parlare di don PASQUALEI

ORAZIO:    Già, il SINDACO!
FRANCO:   Che ti fa coltivare l'orto e il giardino; non fa mancare niente a te e alla
tua tribù! Tu non meriti le sue attenzioni.  Tuo padre sì che era un
galantuomo: il braccio destro di don Pasquale. Era veramente il padrone in questa casa! Che signore, dal cuore così, dalla testa così grande...
0RAZIO:    Ch' 'a casa avettemo (=dovemmo) allargare 'e porte p' 'o fa passà!

FRANCO:   ... ma tu sei un ingrato e nun aggio ancora capito pecché mozzichi
sempe!

ORAZIO:    Si! Aggío diventato nu cane... nu cane arraggiato, che mozzica pur' 'o padrone! Prussò, è a disperazione!!! (Con tono forte) E nun me sfrugulià, o si no cocche ghiuorno mozzico pur' a te!  AAAAAAAHUMMM!

FRANCO:      Nun serve a niente.  Sono vaccinato contro la rabbia!

(Entra Mariuccia, pronta per la scuola col grembiule ed il fiocco ben curato.  Frequenta la 5ª elementare)


MARIUCCIA:    Franco, io sono pronta. (Vede Orazio) Buon giorno,  Orazio. (Orazio saluta con un inchino) Com'è il tempo?

FRANCO:             Bello! Stamattina è proprio una bella giornata!

(Entra donna Concetta, in vestaglia con i bigodíní nei capelli coperti da un velo trasparente annodato a mo' di turbante.  Porta il gíubbetto per Mariuccia

D.CONCETTA:  Buon giorno!

FRANCO:            Buon giorno, donna Concè..

ORAZIO:            (Con fare ossequioso) Donna Concè, ho portato le scarole.

D.CONCETTA:  (Ad Orazio) Me le porti in cucina?  

ORAZIO:             Servo vostro!

D.CONCETTA:  (Mentre Orazio va in cucina) Mettile nella vasca a destra! (Rivolta
alla figlia) Mariuccia, bella di mamma, vieni, dammi un bacetto! (Le aggiusta il giubbetto per bene) Vai a salutare papà!

ORAZIO:            (Ritorna dalla cucina) Salute e bene a tutti! (Esce)

D.CONCETTA:  Franco, mi raccomando. State attento a Mariuccia.. È così delicata!

FRANCO:    State tranquilla! ... Donna  Concè, Mariuccia è come una figlia per me! Eeeh!  Da quando è volata in cielo la mia povera piccina, Mariuccia sta nel mio cuore.  Le voglio molto bene e vivo felice quando lei è felice. (Ritorna Mariuccia. Franco le dà un bacetto nei capelli stringendosela al petto.) Beh! Noi andiamo a scuola!

MARIUCCIA:    Ciao, mamma! (Dà la mano a Franco. Escono.)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.