(Suona il campanello. Donna Concetta, che intanto ha indossato un grembiule da cucina, va ad aprire. Entra la fruttivendola, con un cestino di mele)


CARMELA:    Buon giorno, donna Concè.

D. CONCETTA:    Buon giorno, Carmelì. Accomodatevi... (Carmela arriva al centro della stanza) Vi preparo un caffè?

CARMELA:     Grazie! A quest'ora non lo prendo mai! (Mostrando il cestino) Don Pasquale, passanno, m'ha pregato 'e ve portà  duie chili 'e mele... Vulevo sagliere chiù tardi, pecché a chest'ora sto sola  dint''o negozio... Po' aggio penzato: ""Ponno servì subbito a donna concetta."" Vuie facite sempe 'a torta 'e mele a Mariuccia, ed eccole qua. (Porge il cestino a donna Concetta.)

D. CONCETTA:     (Guardando le mele) Uh! Come sono belle queste mele annurche! Avete fatto proprio una superscelta! Grazie, Carmelì. Voi siete sempre molto buona con noi.

CARMELA:     Eeeh! Con i clienti comm' a vuie, bisogna essere sempre buoni!... E po' io songo in obbligo c''o Sindaco! Senza l'aiuto 'e don Pasquale a chest'ora nun tenevo ancora 'a licenza d''o negozio. Aaah! 'O marito vuosto  è proprio nu sant'omme!

D. CONCETTA:     Mio marito è fatto così. Quando può aiutare qualcuno, non si fa mai pregare. Lo fa e basta!

CARMELA:     Signò, vuie avite spusato nu santo! Penzate. Ogni matina, quanno passa davanti 'o negozio pe' gnì (= per andare) 'ncopp''o comune, don Pasquale me dice sempe: ""Signora Carmela, se avete bisogno di qualcosa, comandate!"" Vuie nce penzate? ""COMANDATE!""  'A gente perciò 'o vo' bene e 'o rispetta.

D. CONCETTA:     (Prende il portamonete nella borsa appesa all'attaccapanni.) Carmelì, quanto vi devo?

CARMELA:    (Indietreggiando e offesa) Uuuuh! Donna Concè, che state dicenno? ... Niente! ... Niente! Io aggio scevete 'e mele cchiù belle proprio pe' Mariuccia!

D. CONCETTA:    Ed io vi ringrazio di cuore. Però non posso approfittare della vostra bontà. (Apre il portamonete, prende un biglietto di £ 5.000 e alcuni di £ 1.000.)

CARMELA:    Madonna mia, vuie me mortificate!

D. CONCETTA:    Anch'io mi mortifico, se non vi prendete i soldi!

CARMELA:    E allora, se proprio insistite, facimme accussì! (Prende dalle mani di donna Concetta tre biglietti da mille, contandoli ad alta voce.) Uno... due... tre! Ecco: stammo a posto! (Donna Concetta scrolla le spalle.) Ora devo andare. Nu nce  sta nisciuno dint''o negozio. Arrivederci, donna Concè!

D. CONCETTA:     Arrivederci e grazie. (Accompagnandola verso la porta. Se avete bisogno, la nostra casa è sempre aperta! (Si salutano ancora.)

(Donna Concetta prende le mele, le guarda ancora, poi le porta in cucina. Ritorna, mette un po' di musica, riordina il soggiorno, spolvera, cambia l'acqua ai fiori, toglie dal vaso alcuni fiori appassiti e li porta in cucina.)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.