(Dopo pranzo. Suona il campanello. D. Concetta va ad aprire.
Entrano Franco e Orazio. Franco ha scarpe da montagna, jeans,    
un giubbotto e una macchina fotografica. Orazio un paio di
stivali ed una giacca da cacciatore.)

D. CONCETTA:    Accomodatevi. Mio marito arriva subito. Vi stava aspettando.

FRANCO:    Lo porteremo ad Avella a vedere un posticino...

ORAZIO:    Si chiama "Acquapendente"!  Nce sta 'na  cascata dint'a nu   
vallone che  è 'na pennellata azzeccata d''o Padreterno 'nu   
juorno che teneva 'a capa a ffà bene!!!

D. CONCETTA:    Mi fa proprio piacere. Una bella passeggiata in montagna gli farà bene! Sta così nervoso da una decina di giorni!... Vi preparo il caffè.  (Mentre donna Concetta va verso la cucina, entra don Pasquale, in jeans, con gli scarponi ed un maglione di lana.) Pasquà, preparo un bel caffè e poi partite.

D. PASQUALE:    (Va verso la finestra, un po' arrabbiato) Vorrei sapere perché questa finestra sta sempre aperta (La chiude.)

FRANCO:    (Sorridendo ironicamente) Per fare entrare la puzza della discarica!

D. PASQUALE:    In questa casa respiriamo diossina notte e giorno!... Prima o poi qualcuno di noi si ammalerà.... Per colpa di quei delinquenti senza scrupoli e senza cuore!

ORAZIO:    E che aggia dicere io, che vedo 'a discarica d''a finesta d' 'a cucina. Quanno sto sittato a tavola, 'e vote arriva 'na filippina, uuuuh!, doce doce che è 'nu piacere a sentirla... Se quaglia ncopp' 'e maccaroni cumm' 'o ccaso parmigiano! Eh! Eh! Eh!... Spisso, quanno torno a casa, eh!, me scordo d' 'a discarica e sfotto a muglierema: "Uuuuh! Che puzza!... Hai fatto abbrucià 'a salza pure oggi!?!"... E nun ve dico 'e male parole che esceno 'a vocca a chella povera disgraziata che 'a puzza s'agliotte da matina 'a sera.

D. PASQUALE:    (Ridendo e dando uno scappellotto sulla spalla ad Orazio.) E bravo il nostro Orazio! Ironico e spiritoso... 'A puzza se quaglia ncopp' 'e maccaroni cumm' 'o ccaso parmigiano! Eh! Eh! Eh!...
ORAZIO:    Embè! Màmmema, a vierno, me faceva mangià sempe 'e cirase sott' 'o spirito e mò eeeh!... tengo sta verve poetica!

FRANCO:    E bravo il nostro artista... incompreso!

ORAZIO:    Sì! Ma primma 'o poi mi comprenderanno e andrò a recitare in televisione!!!... (Rivolto al Sindaco) On Pasquà, ma pecchè nun 'a facite chiudere 'a discarica? Site o nun site 'o Sindaco ' stu paese?... Basta 'na firmetta vosta, accussì (fa finta di scrivere su un finto documento) vedete? E' accussì semplice!

D. PASQUALE:     A parlare!... Il difficile è proprio scrivere, specialmente quando gli amici ti lasciano solo!

ORAZIO:    Embè! Nce vo' coraggio... se uno vo' fa' caccosa (=qualcosa) 'e bbuono p' 'o paese!

D. PASQUALE:    Uè! Nun facimmo gli eroi 'ncopp' 'e spalle 'e l'ati (=degli altri)!... Dove arriva la camorra, il coraggio di uno solo non basta! Ci vuole la forza di tutti!

FRANCO:     (Condividendo le parole del Sindaco) I proprietari della discarica sono persone poco affidabili!... Per niente ti minacciano e ti colpiscono negli affetti più cari!

D. PASQUALE:    So io le minacce che mi fanno continuamente!... Quante volte, di notte, nel più bello del sonno, squilla il telefono: driiiin!... driiin!... driiin!... Ti svegli di soprassalto!... "Sarà successo qualcosa!... Pronto!... Pronto!... E nessuno ti risponde!... Allora tu capisci chi può essere stato e stai zitto per evitare preoccupazioni ai familiari!...

ORAZIO:    (Tra l'ironico ed il serio.) Eeeh! Già!... Fanno cumm' 'e pugili. Lavorano ai fianchi per toglierti il respiro!

D. PASQUALE:    (Senza dar peso alle parole di Orazio) A volte una voce rozza risponde con tono minaccioso: "Don Pasquà, si vulite bbene a Mariuccia, 'a figlia vosta, faciteve 'e fatti vuoti, o si nno..." Mi fanno cacare sotto!!!... Ho chiesto a Concettina...

ORAZIO:    (Ridacchiando) Di comprare due dozzine di mutande!

D. PASQUALE:    (Con aria rassegnata) Proprio così. Di comprare due dozzine di mutande!
(Entra donna Concetta, con il caffè.)

D. CONCETTA:    E una lavatrice per lavarle! (Tutti ridono.)... Il caffè è pronto. (Poggia il vassoio sul tavolo.) Servitevi da soli! (Esce.)

(Ognuno prende dal vassoio una tazzina con il piattino. Don Pasquale e Franco aggiungono la giusta dose di zucchero nel proprio caffè. Orazio, invece, beve il suo, senza averlo prima addolcito.)

ORAZIO:    (Sputacchiando il caffè addosso agli amici, che lo evitano per poco.) Pfuuuuuh!... Cumm' è amaro!... Me pare 'o tuosseco p' 'e sureci (=sorci)! Mamma mia d' 'o Carmine!... Ma che schifezza è chesta!

FRANCO:    (Con aria da saccente) Orà, devi sapere che il caffè si serve amaro!

ORAZIO:    (Scimmiottando Franco) Orà, devi sapere che il caffè si serve amaro!!!... (Poi, con tono scherzoso) Embè! Muglierema m'ha abituato malamente... 'O caffè m' 'o porta sempe chin' ' e zucchero... Nun aggio mai capito se me vevo (=bevo) 'o caffè o me mangio 'o zucchero!... E vote penzo che ha messo 'o caffè dint' 'a zuccheriera!!!

FRANCO:    (C.s.) Ogni gusto è gusto!

ORAZIO:    (C.s.) Ogni gusto è gusto! (Mette un cucchiaio di zucchero nel caffè, lo gira e lo assaggia; ne aggiunge un altro mezzo cucchiaino e lo beve sorseggiandolo.) Uuuh! Che aroma!... Che profumino!... Sembra proprio...
FRANCO:    (Con sarcasmo)  'A puzza d' 'a munnezza ch'è arrivata nel tuo caffè! Ah! Ah! Ah! (Ride anche don Pasquale.)

ORAZIO:    (Sputacchiando di qua e di là il caffè) Pfuuuh!... M' ha' fatto ì 'e traverso!... Vatti a fa friggere tu e pateto (=tuo padre), mammeta, fratto, soreta e...
FRANCO:    E tutta 'a generazione toia!

ORAZIO:    (Serio) Uè! Ncoppo all'oroscopo, stamattina, nce steve scritto proprio accussì, parola pe' parola: "Oggi n'amico te fa' 'ndussecà 'o cafè!" Se vede che era 'o destino!

FRANCO:    Guarda 'e vvote 'e coincidenze, quanno 'o fatto è overo!... Il mio oroscopo, proprio stamattina, diceva... parola per parola: "Oggi farai 'ndussecà 'o cafè a n'amico!"

D. PASQUALE:    (Ilare) A volte la puzza della discarica fa bene allo spirito! (Tutti a ridere. Don Pasquale si alza e si avvicina alla porta della cucina.) Concettì, noi andiamo.

(Donna Concetta esce dalla cucina, asciugandosi le mani vicino al grembiule.)

D. CONCETTA:    Mi raccomando, non fate tardi! (Don Pasquale dà un bacio alla moglie.)

FRANCO:    Arrivederci, donna Concè. Vi riporteremo don Pasquale riposato, sereno e temprato dall'aria di montagna!

ORAZIO:    Donna Concè, cumm' 'o facite vuie 'o cafè, nun 'o sape fa' nisciuno!... Site... (Cerca la parola adatta.) un'artista sopraffina! 'O cafè vuosto è... (c.s.) è cumm' a 'na goccia 'e rugiada 'e primma matina ncopp' a nu pere (=piede) 'e 'nzalata!!!

D. PASQUALE:    (Ridendo) Tu 'o siente 'o poeta?... 'Na goccia 'e rugiada 'e primma matina...

FRANCO:    (Continuando)... ncopp' a nu pere (=piede) 'e 'nzalata!!!... Ha' capito niente che nce teneve 'ncuorpo 'o signorino!... E a penzà che, quanno nascette, chi 'o vuleva iettà a ccà e chi 'o vuleva iettà a là!... Meno male che nun 'o facettero, o si nno guarda guarda che campione nce stevemo (=ci stavamo) perdendo!

(Escono, mentre don Pasquale e Franco danno scappellotti, sculaccioni e calci sul sedere ad Orazio, ridendo e ripetendo le parole incriminate pronunciate prima dall'amico.)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.