(Verso le ore 17.00 dello stesso giorno. Entra donna Concetta    
con un vassoio. Porta del the con i biscotti per i ragazzi)
D. CONCETTA:    (Ad alta voce) Mariuccia.

MARIUCCIA:    (Dalla sua stanzetta) Mamma, veniamo subito!

(Donna Concetta posa il vassoio sull'estremità del tavolo. Ne copre un lato con una tovaglia. Versa il the nelle tazze. Apre il pacco dei biscotti. Intanto entrano Peppino e Mariuccia.)

D. CONCETTA:    Forza! All'attacco, prima che il the si raffreddi!

(Peppino mangia i biscotti voracemente; Mariuccia con sobrietà. Dopo un po' suona il campanello. Donna Concetta va ad aprire. Entra Nicola, un ragazzo sui dodici anni, vestito da muratore, con una valigetta portattrezzi.)

D. CONCETTA:     Buon giorno, Nicolì.

NICOLA:    (Fa un inchino un po' goffo.) Servo vostro!... Donna Concè, cosa posso fare per voi?

D. CONCETTA:    Nicolì, il solito servizio. Si è otturato il sifone del lavandino e...

NICOLA:    Ed io ve lo devo spilare!

PEPPINO:    (Rivolto al ragazzo) Uhè Nico'!

NICOLA:    E tu che nce fai ccà?

MARIUCCIA:    L'ho invitato io!... E' rimasto anche a pranzo con noi.

NICOLA:    (Accompagnandosi con un ampio movimento della mano) Aaaahà! Quanno se tratta  'e mangià, Peppino nun s' 'o ffà dicere ddoie vote!

PEPPINO:    E che pranzo!... Nicò, m'aggio fatto 'a panza comm' a nu tamburo!... Aaaah! Comme cucina bbene donna Concetta!... Ed io ho onorato la tavola!

MARIUCCIA:    E che mangione è Peppino.

D. CONCETTA:    Uhè! Non si è fatto pregare per il bis, ad ogni pietanza!

MARIUCCIA:    Nicola, perché non sei venuto più a scuola? (Nicola scrolla le spalle.) Qualche volta perché non vieni a trovarci?

PEPPINO:    Ci farai concenti.

MARIUCCIA:    Sai che spesso i compagni chiedono di te?

NICOLA:    'e compagni, è?... Ma 'a maestra no!?... A chella ha fatto piacere 'e nun me vedè cchiù. Diceva sempe che io ero CIUCCIO, che io ero 'na capa 'e ripesta!... Vi ricordate? 'A Natale già mi vuleva bbuccià!!!

PEPPINO:    Ma no, non esagerare.

MARIUCCIA:    La maestra è così buona, è così seria, sta sempre...

NICOLA:    (Interrompendo la compagna)... for' 'a porta! Sempe for' 'a porta c' 'a maestra 'e terza!.. Uhè! Sentitemi!... Nu' nce sta sfizio a venì a scola accussì!

PEPPINO:    Però tu eri simpatico e ci facevi sempre ridere.

NICOLA:    Sì, specialmente quanno 'a maestra cercava 'o colpevole 'e ogni cosa... Chi ha fatto cadè  'a carta geografica?

TUTTI E TRE:    Nicola!

NICOLA:    Chi ha vuttato 'e segge (=sedie) pe' terra?

TUTTI E TRE:    Nicola!

NICOLA:    Chi ha zumpato pe' ncopp' 'e banchi?

TUTTI E TRE:    Nicola!

NICOLA:    Nicola! Nicola! Sempe Nicola!... Nce 'a fossi miso (=le avrei messo) ddoie dita 'nganna!... E vuie, comm' 'e vigliacchi, a ridere, a ridere, a ridere. Ah! Ah! Ah!

PEPPINO:     (Cercando di nascondere la risata) A qualcuno veniva la risata e allora... tutti a ridere!

NICOLA:     E io po' nun facevo bbuono a ve rompere 'a faccia, a for''a scola?

MARIUCCIA:    E per questo la maestra mandava a chiamare quel poveretto di tuo padre, continuamente.

PEPPINO:    E tuo padre non ti ha mandato più a scuola!

NICOLA:    Uhè! Io so' contento accussì! Vado 'a faticà, me guadagno 'e soldi e pozz' ì (=posso andare) addo voglio io.

MARIUCCIA:     però, così facendo, tu non impari mai né a leggere né a scrivere...

NICOLA:    Ma pecchè 'a scola me 'mparavo?... Io so' figlio 'e povera gente. 'A maestra curava sulo 'e figli 'e papà papà... pe' nun sudà 'nfronte!!!

PEPPINO:    (Continuando il pensiero di Mariuccia) ... ed oggi, Nicò, è molto importante saper leggere e scrivere!

NICOLA:    Ma tu che dici, ne Peppì? Comme si vede che si' nu bravo guaglione. Ma 'o sai che oggi 'e megli posti se pigliano chili che nun sanno nì leggere e nì scrivere! E po'... chi m'imparava a scola?... 'A maestra?!?... Uhù! Chella me teneva 'nganna! Vi ricordate? Spalmate, tirate di orecchie, tirate di capelli... Chiù ll'ore dint' 'o corridoio che dint' 'a scola!

PEPPINO:    Ma tu la facevi arrabbiare sempre, non è vero?

NICOLA:    Sì, è vero! Io devo fastirio. Però chella me faceva proprio sfastirià!... Arrivava 'a scola sempe 'e dieci. Se metteva a leggere 'o giurnale a ghiurnate sane, mentre 'o capoclasse - e nun facimmo nomme (indica Mariuccia) -  nce correggeva  'e compiti. Poi se ieve (=andava) a piglià 'o cafè... e nun turnava cchiù!!! Se scordava proprio 'e nuie!!! A ore sane (=intere) a parlà co' ll'ate maestre: nciù ciù... nciù ciù... nciù ciù... (Imita il movimento ed il suono di un treno.) Quanno poi se ricordava 'e trasì in classe, se vuleva mangià 'o munno. Dint' 'a mez'ora vuleva fa chello che nun aveva fatto dint' 'a tutta 'a mattinata!

MARIUCCIA:    Sì, anche questo è vero. Però tu...  non studiavi, non facevi i compiti, non andavi mai alla lavagna.

NICOLA:    'A lavagna mai... ma addaret' 'a lavagna sempe!... E po' se io non me 'mparavo, era pecchè 'a maestra nun me sapeva piglià... Chella hli alunni 'e vuleva 'mparati e bbuoni... Pecchè diceva sempe: "Iate (=andate) 'o dapiscuolo (=doposcuola)! Iate 'o dapiscuolo!"... Pecchè nun teneva genio 'e faticà!... E po', quanno 'e guaglioni nun s'imparavano, 'a colpa 'e chi era? Dd' signorine d' 'o dapiscuolo!!!... Mariù, sienteme a me: io so' contento 'e fa 'o fravecatore!

MARIUCCIA:    Allora hai proprio deciso di non venire più a scuola?

NICOLA:    Aaah! Pecchè vuie sperate ancora 'e me vedè?... Pe' ve fa ll'ate quattro risate 'ncuoll' a me?

PEPPINO:    No, che c'entra!... Noi ti vogliamo bene!

NICOLA:    Comm' è facile a dire: "Noi ti vogliamo bene!"... Tutte belle chiacchiere. Po'  steuve (=stavate) tutti contr' a me!

MARIUCCIA:    Nicò, non esagerare. Qualche volta ti abbiamo accusato pure ingiustamente. Ma che vuoi? "La lingua batte dove il dente duole!" dice il proverbio.

NICOLA:    E 'a maestra vatteva sempe 'ncapo a me, dicen' 'e fatti!... 'A scola è vero, nun ero bbuono a fa niente. Ccà invece 'o masto me sta 'mparann' a fa nu sacco 'e cose. Proprio aieri me dicette: "Bravo, Nicò!... Se continui accussì e ti metti a faticà c' 'a capa e c' 'o pensiero, tu diventarrai nu masto!"... E stammatina, pe' mme 'ncuraggià, m'ha fatto mettere duie tufi c' 'a lenza. 'A maestra, dint' a quatt'anni 'e scola , nun m'ha mai ditto na vota sola: "Bravo, Nicò!"

MARIUCCIA:    (Con dolcezza) Su, non te la prendere! La vita è così. Vieni qua, siediti con noi e bevi un po' di the.

PEPPINO:    Ci sono anche i biscotti... quanti ne vuoi!

NICOLA:    (Contento per l'invito) Vi ringrazio di cuore, ma nun pozzo perdere ll'ato tiempo!... 'O masto m'ha ditto 'e fa ampressa... Uè! Io vi lascio. Devo spilare 'o sifone 'e donna Concetta.

(Nicola va in cucina. Mariuccia e Peppino continuano a mangiare biscotti e a bere the. Entra donna Concetta per sparecchiare.)
D. CONCETTA:    Peppino, come va la pancia?

PEPPINO:    (Battendo con la mano destra la pancia) Uh! Bene!

D. CONCETTA:    Se vuoi altri biscotti, serviti pure.

PEPPINO:    No, no. Ora basta! Altrimenti mi scoppia la pancia.

D. CONCETTA:    Mariuccia, vai in cucina. Sul tavolo c'è un pacchettino per Peppino. Prendilo!  (Donna Concetta sparecchia la tavola. Mette tutto sul vassoio.. Arriva Mariuccia col pacchettino. Lo consegna all'amico, che si lecca i baffi e si strofina le mani per la contentezza.) Sono dei dolci per i tuoi genitori.

PEPPINO:    Che cuccagna!

D. CONCETTA:    Peppì, mi raccomando: non li mangiare per la strada!

PEPPINO:    Donna Concè, vi ringrazio di tutto. Lo sapete che siete una cuoca sopraffina?

D. CONCETTA:    Ora mi fai arrossire... Mi raccomando: vieni a trovarci ogni volta che vuoi. Sei stato di ottima compagnia per Mariuccia.

MARIUCCIA:    (Mentre la mamma porta il vassoio in cucina.) Mamma, posso invitare anche Peppino per la festa del mio compleanno?

D. CONCETTA:    Ma certo, cara!

MARIUCCIA:    Peppì, sabato è il mio compleanno. Vieni anche tu!... C'è da divertirsi...

PEPPINO:    ... e da mangiare!

MARIUCCIA:    (Contenta) Verrà anche la maestra!

PEPPINO:    Allora devi invitare anche Nicola. E' l'occasione per farli riappacificare.

MARIUCCIA:    (Battendo le mani e saltellando per il consenso) Sì, sì! Hai proprio ragione. (Rivolta verso la cucina, ad alta voce.) Nicola!... Nicola!

(Arriva Nicola con uno straccio in mano e lo spazzolino per le bottiglie nell'altra mano.)

NICOLA:    Cosa c'è?... M'avite fatto zumpà d' 'a paura!

MARIUCCIA:    Sabato festeggerò il mio compleanno...

PEPPINO:    ... e noi abbiamo pensato di invitarti.

NICOLA:    Beh! Se ci stanno 'e belle figliole, io mi 'ntrillacco e vengo...

MARIUCCIA:    Sì, Sì!... E cìè anche la maestra!

NICOLA:    (Facendo roteare varie volte il braccio destro) Ahaaaà! Ihche bello!

PEPPINO:    Così fate pace!

MARIUCCIA:    (Pregandolo con dolcezza) Ti prego, Nicola, vieni anche tu.

NICOLA:    (Con galanteria) Non si può dire di no a tanta dolcezza!

MARIUCCIA:    (Con gioia) Evviva! (Correndo verso la cucina) Mamma, mamma, viene anche Nicola!

NICOLA:    (Rivolto al pubblico e imitando la voce dell'amica.) Mamma, mamma, viene anche Nicola... (con la sua voce, in tono scherzoso.) ... a spilare 'o sifone d' 'o lavandino!

PEPPINO:    Nicò, io me ne vado. Ciao. Ci vediamo sabato sera. (Nicola va in cucina mentre ritorna Mariuccia.) Ciao, Mariuccia. Grazie per l'invito e per i dolci. Ci vediamo domattina a scuola.

MARIUCCIA:    (Accompagnando l'amico verso la porta.) Ciao, Peppì. Mi raccomando i dolce. Non mangiarli per la strada!

(Peppino esce. Mariuccia va in cucina dove Nicola lavora e canticchia: "Tu vuò fa l'americano, 'mericano, 'mericano. Sient'a me chi t' 'o fa fa'. Tu vuoi vivere alla moda, ma se bevi whiskey e soda, po' te sient' e disturbà...)

(Cala il sipario.)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.