La merla 

Seduti sul prato, Nino dava coraggio alla sorellina.

“Passerà questo brutto momento! Torneremo a correre per il paese, ad abbracciare gli amici, i nonni!”
Una merla bezzicava nell’erba e raccoglieva rametti per il nuovo nido. Si avvicinava sempre più ai due fratellini senza paura.

«Ciao, Merla», disse Margherita. «Invece di mangiare insetti e lombrichi perché non ci aiuti a distruggere il Coronavirus?... Sarà un cibo prelibato!» e appoggiò la testa sulla spalla del fratello.

La merla sembrò aver capito il messaggio di aiuto. Volò sulla magnolia e cominciò a chioccolare con tutta la forza che aveva nelle corde vocali.

In breve tempo l’albero si riempì di uccelli.  Un oceano di ali. Tutti a fischiare!

E tutti insieme partirono per una grande impresa: liberare il mondo da un terribile flagello, mangiando il nemico dell’uomo!

 

(30 marzo 2020)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.