L’ape Melissa

 

Comm’era bello ‘o munno na vota!

L’aria fresca e pulita
‘o cielo sempe azzurro

‘a campagna nu specchio
l’evera veneva zappata
‘o terreno mangiava sulo lutamma
‘e sciure belle e prufumate:

nu paraviso!

 

 

Aaaah! Io me cunzulavo
a zumpà addò vulevo
mettevo incinte ‘e piante
e quanno nasceveno ‘e figlie
io sapevo che ero ‘a mamma!

‘E zappature ciucce comm’ereno
campaveno cient’anne!

E mo che sta succedenno?

Prrr! Che schifenzia è chesta?
L’uommene allezionate sò ‘mpazzute!
Ma sanno ‘e guaie ca stanno facenno?
Stanno scassanno ogne juorno
tutto chello che Dio ave creato.
Volo da ccà a llà
ma nu trovo chiù nu sciore
buono pe mô zucà.
Pe sparagnà ‘a fatica
mo bruceno tutte cose
e spanneno ‘o veleno
pure addò nu serve.
Quasi quasi me ne vaco
ncoppa ‘a n’ato munno.

 

Na cosa però nun avite capito.

Quanno moro io… murite pure vuje!

 

(Baiano, 20 luglio 2019)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.