Alto il sole riscalda l’aria
due passi in piazza
avvolto nei pensieri
uno sguardo al giornale
il saluto ad un amico.
Hiiii vraaaa! Una frenata
ed il solito balordo
con irriverenza ti sberleffa
col medio alzato:

«Oi no’, statte â casa â matina
ddoje ore ‘e chiù dint’ ‘o lietto!
Nu vire ca sì miezo nzallanuto?»

 

Indifferente
il mio andare continuo.
“Arriverà anche per te
quel giorno – io penso -
ed il solito balordo
beffeggerà irriverente anche te
col medio alzato:

«Oi no’, statte â casa â matina
ddoje ore ‘e chiù dint’ ‘o lietto!
Nu vire ca sì miezo nzallanuto?»

 

Una ruota che gira è la vita:
oggi a me… domani a te!
Ma 'o nzallanuto se guarda indietro…
i suoi occhi almeno
si perdono nel buio della storia.
L’età è un dono divino:
non è concessa a tutti:
c’è chi campa cent’anni,
c’è chi  finisce contro un palo!

 

(Baiano, 9 Ottobre 2019)

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.