Io puzzo 

Fuuuuuh! che brutt’ addore!

Mai vangu vakanàka, mamma mia bella,

‘O saccio: è ‘o mio!
È overo: Io puzzo.

Sotto ‘o sole dâ matina â sera

comme a n’animale
spuorco ‘e povere

e ‘o surore ca scenne

pâ schiena abbascio,

stanco e muorto ‘e famme

torno mmiezo ê rammère
senza ‘o cesso
senza ‘a doccia
senza ‘o lietto
senza ‘a luce
senza l’acqua.

Umamà wamì omuhle,  mamma mia bella

Sì, ‘o saccio: io puzzo,
puzzo ‘e carne iuta a male
e campo a duje passe dâ zuzzimma!
Ma… me so abbituato
a me lavà into a nu bidone arrugginito!
Sulo ‘e mane e ‘a faccia
che asciutto cu na mappina
pisciata ncoppa da ‘e sùrece.
Senza forza e cu ‘e piére spuorche
cado ncopp’ â paglia
mmiezo a l’ammore d’‘e bestie comme a me
e aspetto n’ato juorno
pe partì n’ata vota cu ‘e stracce ncuòllo ‘e jere. 

Ma jolie maman, o mamma mia bella,
me vulesse lavà!
Me vulesse lavà ‘e cosce
me vulesse lavà ‘a schiena
me vulesse lavà ‘e capille
vulesse tenè tanta acqua
vulesse tenè na lampadina
vulesse tenè nu bicchiere
vulesse tenè nu piatto a tavula
vulesse tenè nu panno pulito.

Vulesse addurà pur’io
ma ê bestie chesto nun ce tocca!

Fuuuuuh !

Sì ‘o saccio: io puzzo…
puzzo ‘e lutamma
e quanno io passo pâ via
se tappeno ‘o naso pure ‘e figlie vuoste.
Ve vulesse fa vivere comme a me
na vota sola… una vota sola!

pe sentì ‘a puzza vosta arrivare fino a ncielo.

Jehovha Mwari wangu, o Signore mio Dio,
Into a sta terra dimane nasceno  ‘e figlie mieje.
Áveno pure lloro na casa cu l’acqua
àveno na tavula e ‘o lietto
àveno na tuvaglia pulita
e po’ vanno â scola cu ‘e libbre sotto ô vraccio
e se mpareno a scrivere

e comme a tutte ‘e guagliune janche
sarranno pure loro adduruse
e nu juorno  assapùrarranno
pure lloro nu poco ‘e libbertà
comme  ‘e figlie vuoste
Kana Mwari vachìda, se Dio vorrà!

(Baiano, 3 luglio 2022)

 

   
© Carmine Montella, Baiano (Av) - Senza l'autorizzazione scritta del titolare del copyright è vietato l'uso di testi, immagini e video del sito.